Cerca
Filtra risultati
Standard
Video
Galleria
SUGGERISCI VIDEO

La riabilitazione degli animali “di laboratorio” (anteprima)

Negli ultimi sei anni sono stati più di 5000 gli animali salvati dalla morte in laboratorio, abituati a una vita “normale”, e poi dati in adozione presso famiglie o rifugi specializzati.

Massimo Tettamanti racconta delle esperienze fatte nella riabilitazione di animali usati in laboratorio, come ratti, topi, conigli, cavalli, asini, cani, gatti e primati, che hanno portato a concludere che possono sorgere dei problemi, comunque sempre risolvibili, anche in quegli animali che non sono mai stati sottoposti ad esperimenti e che vengono salvati in buone condizioni fisiche, in quanto si riscontrano spesso segni evidenti di traumi psicologici, che devono essere risolti.

Nel raccontare la “teoria e la pratica” della riabilitazione degli animali, durante la presentazione vengono anche mostrate immagini girate nei rifugi in cui questi animali sono stati accuditi.

La conferenza integrale è disponibile in streaming su TVAnimalista: www.tvanimalista.info/video/vivisezione/riabilitazione-animali-laboratorio .

La conferenza fa parte del progetto TV Animalista, un progetto di videoconferenze-streaming in diretta, insieme alla presenza di un archivio di video informativi di qualità: www.tvanimalista.info .

Per maggiori informazioni sul lavoro di recupero degli animali da laboratorio e per adozioni visita www.icare-italia.org .

Altri video suggeriti

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer

In relazione alla tematica trattata dal sito, molti contenuti presenti potrebbero contenere immagini forti o scene cruente che potrebbero turbare la sensibilità in soggetti emotivi. Per maggiori informazioni leggi il Disclaimer completo.
In relation to the topic treated by the site, many content present may contain strong images or cruent scenes that could disturb the sensitivity in emotional people. For more information read the complete disclaimer.