Cerca
Filtra risultati
Standard
Video
Galleria
SUGGERISCI VIDEO

Feroci violenze in un allevamento del Prosciutto DOP

Un investigatore di Essere Animali ha lavorato sotto copertura in un allevamento di maiali destinati alla produzione di prosciutto DOP, considerato un’eccellenza italiana ed esportato anche all’estero. Le immagini mostrano comportamenti cruenti da parte degli operatori, pratiche illegali e l’uccisione di maiali malati con metodi approssimativi e brutali. Anche alle scrofe e ai suinetti non vengono risparmiate violenze. Una scrofa rinchiusa in una gabbia parto viene presa a calci, mentre i suinetti sono letteralmente lanciati all’interno di un carrello e in alcuni casi calpestati con gli stivali.

Come mostrano le immagini, inoltre, ogni suinetto riceve una profilassi antibiotica, una procedura consueta ma che genera molte perplessità perché può contribuire al preoccupante fenomeno dell’antibiotico resistenza. I farmaci infatti vengono preventivamente somministrati a tutti gli animali ancor prima che questi presentino segni clinici di una malattia, al fine di garantire la sopravvivenza del maggior numero di individui.

Le immagini sono state consegnate alle autorità competenti per sporgere denuncia nei confronti dei responsabili. Aiutaci a fermare le violenze sistematiche negli allevamenti intensivi: firma anche tu la petizione, QUI: www.essereanimali.org/feroci-violenze-in-un-allevamento-del-prosciutto-dop/
Di: Essere Animali
 

Altre gallerie suggerite

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer

In relazione alla tematica trattata dal sito, molti contenuti presenti potrebbero contenere immagini forti o scene cruente che potrebbero turbare la sensibilità in soggetti emotivi. Per maggiori informazioni leggi il Disclaimer completo.
In relation to the topic treated by the site, many content present may contain strong images or cruent scenes that could disturb the sensitivity in emotional people. For more information read the complete disclaimer.